Archivio di maggio 2011

Oggi 22 maggio Santa Rita da Cascia

domenica, 22 maggio 2011

Madoninna a mezzo punto ricamata da me

venerdì, 20 maggio 2011

Pomeriggio con Maria ed Emilia

mercoledì, 18 maggio 2011


Le mie notizie risalgono a un pò di tempo fa,
quando vennero a trovarmi a casa Sabrina e
sua madre.Nell’ultimo periodo oltre ad andare
sempre in palestra per la riabilitazione non
c’era poi tanto da poter dire.Ma come al solito
ci sono delle improvvisate che ti permettono
di trascorrere diversamente alcune ore della
giornata.Infatti ieri martedi 17 maggio di pomeriggio
sentiamo suonare il citofono e ci risponde un’amica
di famiglia che abita nel palazzo di fronte al nostro
che vuole venirci a trovare.E’ Maria assieme alla
sorella Emilia,quest’ultima putroppo con la sindrome di down.Nonostante ciò è una ragazza dolcissima e tenera,
tutte le volte che viene a trovarmi mi copre di tenerezze
e mi porta sempre qualche pacchetto o di caramelle o
di cioccolatini.Non le vedevo dal giorno prima del mio onomastico(PRECISAMENTE IL 24 MARZO SCORSO PERCHE’IL MIO ONOMASTICO E’IL 25!).Abbiamo chiacchierato un pochino e poi abbiamo seguito insieme
alle ore 18:00 il Santo Rosario da Lourdes sul canale RAISAT2000.E’un appuntamento che seguiamo appunto ogni pomeriggio.Si lo so che ci si potrebbe fare e realizzare di più;ma io sono sempre convinta che dobbiamo accontentarci di quel poco che ci si presenta;basta un niente per mandare in fumo un’intera vita putroppo quindi di conseguenza basta anche un niente per accontentarsi.L’ho imparato tardi ma vi assicuro che cosi facendo ci si diventa sereni senza affannarci e preoccuparci perchè in questo caso,staremmo male sia fisicamente che moralmente.La vita è bella è va vissuta fino in fondo:attimo per attimo,momento per momento assaporando tutto con serenità e gioia conservando nel nostro cuore tutti i ricordi belli che abbiamo vissuto da soli ma soprattutto con le persone che vogliamo bene e che ora non ci sono più.

SUPPLICA A SANTA RITA

(da recitare il 22maggio, dì della festa della santa, a mezzogiorno)

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito santo. Amen.

O Eccelsa Taumaturga del mondo cattolico, o gloriosa S. Rita da Cascia, come sale bella a Te dal nostro cuore la preghiera in questo giorno dedicato dalla Chiesa alla Tua festività !
In quest’ora solenne in mille e mille cuori a Te si rivolgono fidenti e pieni di santa speranza, anch’io unisco la mia umile prece, perché Tu la presenti al Cuore Sacratissimo di Gesù, ed alla Sua Madre Immacolata Maria, e me ne impetri le grazie di cui ho tanto bisogno.
O gran Santa di Cascia, sarà mai possibile che la mia fiducia nel Tuo patrocinio resti delusa ? E non sei Tu Colei, che i popoli chiamano la Santa degli impossibili, l’avvocata dei casi disperati ? Ed io, appunto, mi trovo in tali infelici condizioni per le mie colpe ! Vorrai Tu allontanare da me il Tuo sguardo ?
Sarà solo per me chiuso il Tuo cuore ? Solo io non dovrò sperimentare la Tua potente intercessione ? Conosco che ne sono indegno per i miei gravissimi peccati. Ebbene, qui si vedrà la Tua celeste carità, il Tuo grande amore, ottenendomi la salvezza dell’anima.
È questa la grazia, che principalmente domando a Dio, per Tua mercè, in questo giorno sacro al Tuo natale in Paradiso;
e con questa le altre grazie necessarie al mio stato.
O buona S. Rita, appaga i miei voti, ascolta i miei gemiti, asciuga le mie lacrime; ed anch’io proclamerò al mondo: Chi vuole grazia la domandi a Dio, per mezzo della Sua fedele serva S. Rita da Cascia , e sicuramente sarà esaudito.
In questo giorno di gloria, in cui maggiore e più viva si ridesta la comune fiducia nel Tuo patrocinio, che imploro su me, sul Vicario di Gesù Cristo, sul cattolico Episcopato e sacerdozio, sui Tuoi Religiosi Confratelli e Consorelle, che formano l’eletta figliolanza del grande S. Agostino, sui benefattori del Tuo santuario e Monastero di Cascia, sugli infermi, i poveri, i derelitti, sui peccatori, su tutti e sulle anime sante del Purgatorio.
O sposa amabilissima di Gesù Crocifisso, da cui avesti in dono una delle spine della Sua sacratissima corona, in questo giorno del Tuo trionfo, aiutami, e la Tua protezione mi accompagni sino al punto della mia morte. Così sia.

Tre Pater, Ave, Gloria

V. – Prega per noi, o Santa Rita
R. – Affinchè siamo degni delle promesse di Cristo

PREGHIERA
O Dio, che Ti degnasti di concedere a s. Rita il gran dono di amare i nemici e di portare nel cuore i segni del Tuo amore e sulla fronte i segni della Tua passione, concedi a noi, per la Sua intercessione e per i Suoi meriti, di perdonare i nostri nemici e di meditare i dolori della Tua passione, così da conseguire il premio promesso ai miti e a quelli che piangono. Amen.

mercoledì, 18 maggio 2011


Mercoledi 11 maggio 2011 mattinata con Sabrina e la madre

mercoledì, 11 maggio 2011


Anche questa volta non posso lamentarmi;nonostante abbia
la mia disabilità;faccio le cose
normalissime;esco,ho contatti
con amici e amiche;infatti in
questo caso posso dire che
mercoledì 11 maggio ho trascorso
l’intera mattinata con Sabrina e la
madre.Di solito questa mia amica
viene da sola e resta anche a pranzo
per andarsene il primo pomeriggio.
Questa volta è stato diverso perchè
per motivi vari è venuta solo a farmi
una visita approfittando anche di
portare la madre che non mi vedeva
da anni.E’ venuta di mattina per andarsene
poi prima di pranzo;anche se per pochissime
ore sono stata benissimo,ci siamo messe a
parlare e mentre io le ho dato il materiale religioso che ogni volta raccolgo per lei
(INFATTI PROPRIO PER QUESTO E’VENUTA)
lei mi ha regalato una bottiglia di bagnoschiuma
dell’Avon mentre la madre mi ha portato una collanina,ma putroppo le cose belle durano poco
e le ore sono volate vie e se ne sono poi andate
per darci appuntamento alla prossima occasione.
La nostra è una bellissima amicizia ventennale e più;nata sui banchi di scuola delle superiori;cosa
strana non eravamo nella stessa classe nè nella stessa sezione ma mentre io stavo al primo anno lei stava al secondo,ne abbiamo passate tantissime insieme,ci siamo raccontate e continuiamo a fare 1001 segreti;insomma siamo come fossimo due sorelle.Cosa c’è di più bello di questo non credete?In questo caso credo che abbia seminato bene….evidentemente

Sabato 7 maggio cena ad Acerra

domenica, 8 maggio 2011

Finalmente ci sono riuscita;ci siamo incontrate.
Non ci vedevamo da quando venne a casa mia
tre anni fa per darmi le condoglianze per la morte di mio zio.Poi da allora ci siamo solo sentite spesso sia al telefono sia tramite computer;già da allora era fidanzata,poi dovevo andare al suo matrimonio cui data fu fissata a fine ottobre ma per il ricovero di suo nonno
fu rimandato a due settimane prima proprio nel periodo in cui dovevo andare a Venezia con l’Unitalsi.E sabato finalmente sono andata ad
Acerra a casa di Annarita a conoscere suo marito Antonio ma anche a vederla con il pancione.E’
un maschietto che nascherà a luglio e si chiamerà Salvatore.Le ho anche portato una cosa ricamata espressamente chiesta da lei:voleva una striscietta con il nome del bambino ricamato a punto croce che vuole metterlo vicino alla culla.Comunque la cosa è
andata in questo modo:nel pomeriggio mi è
venuta a prendere la madre per dirigerci ad
Acerra e passare del tempo insieme cenando
anche a casa sua;ho fatto qualche foto ricordo
dell’evento e ci siamo divertite nel ricordare
molte cose che abbiamo fatto insieme.
Sicuramente ci saranno altre occasioni del genere in futuro,ci saranno altri tipi di uscite,di
gite…insomma vi saluto e ai prossimi aggiornamenti.

Ultimo sabato di aprile a Pontelatone(CASERTA)

domenica, 1 maggio 2011

Sabato 30 aprile 2011 cioè ieri,sono andata a pranzo in un agriturismo a Pontelatone(CE),mi piace approfittare di queste occasioni e ho preso al volo quest’ennesima opportunità per
trascorrere qualche ora all’aria aperta.Però questa volta non è stata organizzata con l’Unitalsi ma con mio fratello,cugini,cognata e nipotona.Ho fatto le mie brave fotografie per il ricordo della giornata appena trascorsa,ho pranzato all’aria aperta;insomma anche questa volta ho messo in saccoccia una cosa bella che volevo fare e ne sono rimasta felice.Il posto era carino; si sono mangiate cose buone e semplici:
gli agriturismi così sono e qui in Campania come del resto in tutt’Italia sono sempre all’insegna della cucina locale o regionale e ho avuto anche un regalino:una nuova macchina fotografica digitale del mio colore preferito ROSSO,la prima quella NERA gliela passo a mio padre.Sono rimasta contenta anche per alcune cose che sono successe nei giorni scorsi;
infatti la settimana scorsa in un pomeriggio è venuta a trovarmi una mia amica(PATRIZIA)mentre il giorno dopo sono venute Tina e Stefania,le sorelle di quella mia amica che morì qualche anno fa.Continuiamo a rimanere in contatto è un’amicizia che dura nonostante la grave perdita subita;per quanto riguarda prossimamente dovrei andare ad Acerra,sempre in provincia di Napoli a casa di una cara amica che si è sposata nell’ottobre scorso e aspetta un bel bimbo che nascerà a luglio,credo che mi verrà a prendere la madre.Dovevo andare al suo matrimonio e sapevo quella data ma lei lo spostò di qualche giorno per dare modo al nonno di venire il quale poi dopo si doveva ricoverare e io non ci andai perchè ero in viaggio a Venezia.E ora approfitto per incontrarla dopo tanto tempo,spero di riuscirci.Cos’altro dire…nulla!A me non resta altro che trascorrere serenamente questo mese di maggio,ricordandomi anche di acuni periodi nerissimi che ho vissuto tre anni fa in questo periodo…sapevamo tutti a cosa andavamo incontro e mi riferisco putroppo alla morte del mio adorato zio Carlo,a volte,molte volte penso che se lui stesse ancora qui sarebbe contento e felice di tutte le cose che ho fatto da quando lui se ne andato.Ma non voglio pensarci,perchè le persone a noi care che ora non ci sono più non vorrebbero vederci soffrire…quindi meglio non soffermarsi troppo e andare avanti dopotutto come si dice:The show must go on(LO SPETTACOLO DEVE CONTINUARE) quindi è la vita e si deve andare avanti….Domenica 1°maggio cioè stamattina,invece mi sono rilassata vedendomi la diretta Tv della beatificazione del grandissimo uomo quale fu:GIOVANNI PAOLO II un’emozione grandissima nel saper di avere una foto
ricordo di LUI che è diventato BEATO.Adesso ho un motivo in più per vantarmi ed essere invidiata:da ora in poi posso aggiungere di essere stata fotografata assieme a un G R A N D E U O M O che in minima o grande parte ha fatto non solo una storia religiosa ma ha contribuito anche nella storia dell’umanità.Ora vi saluto tutti e ai prossimi aggiornamenti.