Archivio di novembre 2013

Lettera di un bambino disabile alla sua mamma

sabato, 30 novembre 2013

Cara Mamma,lo so che non è stato facile… ma ti voglio raccontare una cosa, che forse non sai.Ogni anima, prima di incarnarsi, sa già quale percorso deve compiere, così anch’io sapevo che sarei nato per vivere un certo tipo di esperienza. Lo sapevi?Ci sono anime più e meno evolute, ma adesso non pensare quello che viene più logico… non è proprio così. La scelta di nascere e vivere un’esistenza, diciamo “difficile”, è una scelta dura e faticosa, ma anche una scelta d’amore che solo anime molto sensibili ed elevate possono possono permettersi di fare.Non riesci a spiegartelo? Non è facile da capire, non tutto è semplice, ma credimi, non è la manifestazione fisica che conta… e tu sai che la mia è un’anima pura e bellissima: questo conta, questo lo hai capito subito dalla prima volta che mi hai preso tra le braccia… Del resto ognuno di noi si sceglie i genitori, ed io vi ho cercati e vi ho trovati, che bello!Dovevo essere sicuro di essere accettato e amato completamente, dovevo trovare due persone così stupendamente… insomma voi due.Spero ti faccia piacere sapere che stai svolgendo un compito superiore, che non è da tutti, che ti viene affidato dal cielo. Sai, alcune mamme, non tu lo so, vivono questa esperienza male, quasi come una punizione e non sanno che è un premio da un “essere” che ha tutta la capacità e l’amore per vivere un tipo di esperienza così delicata e a volte faticosa, ma che sa dare momenti così unici che non è possibile descrivere… però io e te li conosciamo, vero mamma? Non si possono spiegare con le parole, ma solo con le emozioni… e con le energie sottili che si scambiano.Mamma, come vorrei che tu riuscissi a comunicarlo a tutte quelle persone che ignorano la danza delle nostre varie esistenze… ma per ora non importa, mi basta averlo comunicato a te, che in fondo lo sapevi già… ma volevo darti una conferma della tua intuizione. Noi tutti siamo esseri di luce, che ogni tanto scendono sulla terra ad imparare una “pagina” di lezione. Le nostre due luci sono così simili che si sono riconosciute, tu sei nata per aspettarmi ed io sono arrivato, tutto come era scritto: con una penna dall’inchiostro dorato.Ti abbraccio, mamma, ti ringrazio e di essere come sei e di darmi tutto il tuo amore. Non preoccuparti mai, stai già facendo tutto, abbi solo fiducia quanta io ne ho in te e continuiamo la nostra danza, con la musica che gli Angeli hanno composto solo per noi.Ti amo, mi ami… perché l’amore è la risposta ad ogni cosa.il tuo bambino(B. Mazzarella)

Aspettando Natale

giovedì, 28 novembre 2013

Ciao babbo New York è fantastica le persone
sono meravigliose e mi piace davvero
stare qui.Ma babbo vedi mi vergogno un pò
ad arrivare a scuola con la mia Ferrari 599GTB
oro massiccio quando i ragazzi e i professori
arrivano in treno.Tuo figlio Luca.”
“Mio caro figlio 20 milioni di euro sono stati
trasferiti sul tuo conto in banca.Per favore smettila
di metterci in imbarazzo Và e comprati
un treno anche tu!Con amore babbo.”

23/11/1980-23/11/2013 Terremoto in Irpinia per non dimenticare.

sabato, 23 novembre 2013

Dopo la seconda guerra mondiale il più terribile
terremoto in Italia con una durata della scossa eccezionale:90 secondi.Furono devastate diverse zone
tra la Campania e la Basilicata con danni ingentissimi soprattutto nell’area dell’Irpinia distruggendo parecchi paesi.A Napoli nel quartiere di Poggioreale crolla un palazzo provocando 52 morti.Danni ingenti nelle province di Avellino,Salerno,Benevento,Matera e Potenza.L’epicentro si ebbe tra i comuni di Teora,Castelnuovo di Conza e Conza della Campania causando circa 280.000 sfollati,8.848 feriti e 2.914 morti.
L’entità drammatica del sisma non venne
valutata subito;i primi telegiornali parlarono
di una “scossa di terremoto in Campania”
dato che l’interruzione totale delle telecomunicazioni
aveva impedito di lanciare l’allarme.Solo
a notte inotrata si cominciò a evidenziare la
più vasta entità.Da una prospezione effettuata
nella mattinata del 24 novembre tramite un
elicottero vennero rilevata le reali dimensioni
del disastro.Uno dopo l’altro si aggiungevano
i nomi dei comuni colpiti;interi nuclei
urbani risultavano cancellati,decine e decine
di altri erano stati duramente danneggiati.

Domenica a Montesarchio sul Monte Taburno

lunedì, 18 novembre 2013

Ieri è stata una domenica speciale.
Una gita fuori porta sul Monte Taburno
e precisamente a Montesarchio.Cosa ci
facevo lì?Semplice:in mattinana ricevo una
telefonata da mia nipote che compiva gli anni
e mi dice che vogliono andare in questo agriturismo
a Montesarchio per il pranzo e voleva sapere se
volevo aggregarmi a loro.Detto fatto e dalla mezza
che mi sono venuti a prendere sono tornata ieri sera
alle 21:00.Una giornata veramente serena,il posto carinissimo
che mi è piaciuto moltissimo e che non c’ero mai stata.
Ennesima esperienza che se avessi rifiutato mi sarei pentita.
E il risultato finale sapete qual è?E’ che oggi mi sento
fisicamente stanca.Per forza per quello che ho fatto.
Ma ne è valsa la pena.

venerdì, 15 novembre 2013


Oggi sulla CAMPANIA era prevista pioggia

martedì, 12 novembre 2013

Stamattina al bar un signore seduto mi guarda e mi dice:
“Giovane ma te sai cos’è l’amicizia?”Sto per rispondere
e mi interrompe:”Lo vedi quel signore laggiù?Quello è il mio migliore amico siamo nati nel ’39,siamo nati e cresciuti insieme,io gli ho fatto da testimone di nozze e lui lo ha fatto a me,abbiamo comprato la terra da lavorare insieme e tutti i giorni e tutti i giorni venivamo in questo bar e prendevamo un BIANCHINO e leggevamo le notizie,lui me le leggeva e io non so leggere e io lo ascoltavo,sempre insieme nel ’78 abbiamo litigato ce le siamo anche date e da quel giorno non ci siamo più parlati,neanche un CIAO.Beh ti dirò dal ’78 nonostante tutto ogni giorno veniamo qui sempre alla stessa ora,ogni giorno ci vediamo,non ci salutiamo e ci sediamo in due tavolini diversi entrambi prendiamo un BIANCHINO,lui tutti i giorni prende il giornale e legge le notizie ad alta voce.,la gente pensa che sia MATTO,ma non lo è perchè io lo so che lo fa per me dal ’78″

Sabato”capuano”alla MASSERIA GIO’SOLE a Capua (CASERTA)

domenica, 10 novembre 2013

Sabato 9 novembre 2013 mi sono organizzata
per andare alla MASSERIA GIO’ SOLE a Capua.Per arrivare
a Capua da Napoli ci vuole pochissimo una 40ina di minuti:
è l’Autostrada A1 la Napoli-Roma.E’il quinto anno consecutivo
a cui partecipo a questo “incontro all’aperto”una giornata all’insegna
della spensieratezza e della gioia dando modo di “dimenticare”per
qualche ora i problemi e i dolori quotidiani.Mi sono venuti a prendere
verso le 10:15 poi con calma senza correre e con un pò di traffico siamo arrivati verso le 11:00.Per tornare a casa verso le 17:30 a casa.
Sono state otto ore trascorse serenamente.Non ho altro da dire.
Aspetto altre cose.

Il ciclo della vita

domenica, 3 novembre 2013

Commemorazione dei defunti e festa di Ognissanti

venerdì, 1 novembre 2013

Benedetti quelli che mi guardano con simpatia
Benedetti quelli che comprendono il mio camminare stanco
Benedetti quelli che parlano a voce alta per minimizzare la mia sordità
Benedetti quelli che stringono con calore le mie mani tremanti…
Benedetti quelli che si interessano della mia lontana giovinezza
Benedetti quelli che non si stancano di ascoltare i miei discorsi tante volte ripetuti
Benedetti quelli che comprendono il mio bisogno di affetto
Benedetti quelli che mi regalano frammenti del loro tempo
Benedetti quelli che si ricordano della mia solitudine
Benedetti quelli che mi sono vicini nella sofferenza
Beati quelli che rallegrano gli ultimi giorni della mia vita
Beati quelli che mi sono vicini nel momento del passaggio
Quando entrerò nella vita senza fine mi ricorderò di loro presso il Signore Gesù