Archivio di luglio 2014

La mia settimana al mare con l’Unitalsi

lunedì, 14 luglio 2014

Dal 6 al 13 luglio l’Unitalsi della sottosezione di Napoli ci ha portato in vacanza al Santa Caterina VIllage di Scalea.Eì’il 5°anno consecutivo che andiamo li(la prima volta era l’estate 2010).Quest’anno eravamo in bilico fino all’ultimo perchè non sapevamo se ci fossero i volontari giusti per poter coprire l’asistenza.Invece una settimana prima abbiamo avuto la conferma che si partiva.Nonostante il tempo  non sia stato clemente e il mare era mosso ci siamo organizzati diversamente o rimanevamo sui lettini o andavamo in piscina o andavamo in giro per Scalea. Dopo tanto tempo posso dire che sono tornata a casa stanchissima ma molto serena.Mi è piaciuta come è andata forse perché ne avevo bisogno. scalea

  

San Giorgio a Cremano è un comune italiano di 47.783 abitanti della provincia di Napoli in Campania ed è la ventunesima città della Campania per popolazione.
Geografia fisica:
Situato alle falde del Vesuvio,oggi è ormai parte integrante dell’aggromerato urbano di Napoli ed è collegato a
questa con la Circumvesuviana ed è ricordata molte volte per essere stata la città di Alighiero Noschese,Luca Giordano e Massimo Troisi,sono dedicate piazze,musei e premi cinematografici.
Etimologia:
Per quanto riguarda il mone della città il primo è stabile nel tempo ed indica il santo tutelare scelto dalla comunità,mentre il secondo ha subito nel tempo varie trasformazioni ed indicia la località in cui si è stabilita la popolazione.
San Giorgio:Il nome fa riferimento alla forte venerazione per il Santo che secondo la tradizione salvò, alla fine del X secolo,gli abitanti dall’eruzione del Vesuvio.Attestato
fin dalle origini,non si è mai modificato,eccetto che nella parlata popolare in Santo Iorio.Ciò è dipeso dalla tendenza del dialetto napoletano a trasformare la G palatale in I
(genero in iennero).I Sangiorgesi scelsero un santo che avesse fama di combattente che aiutasse contro le insidie dei nemici e di eventi naturali.Per questo scelsero San Giorgio,che già a Napoli era conosciuto presso i poveri e i contadini.E’anche vero che la chiesa di Forcella San Severo nel IX secolo veniva anche detta di San Giorgio e questa chiesa aveva molti possedimenti nella zona vesuviana e sul territorio che poi diede origini al paese.
Cremano:
Il termine Cremano è invece un antico toponimo di una striscia attualmente compresa tra Portici e San Giorgio.
Ragion per cui il nome della città significa San Giorgio nei pressi di Cremano,tuttavia il termine Cremano ha subito
trasformazioni sostanziali nel corso dei secoli.L’ipotesi più attendibile è che esso derivi da Cambrano,toponimo di una zona costiera piuttosto vasta,come documentato anche dalla Mappa del Duca di Noja In origine infatti il paese si estendeva su due casali:Capitiniano e Sant’Aniello a Cambrano.Nel 1334 questi due casali si fusero in San Giorgio a Cambrano.Cambrano diventerà Clamano e nel 1500 in Cremano.Tuttavia sull’etimologia del toponimo Cambrano non è ancora accordo.
Alcuni erroneamente vorrebbero far derivare Cremano da Crematum con riferimento ad una lingua di lava del Vesuvio che avrebbe cremato tali zone.Tuttaiva ciò non è documentato da nessuna parte e nemmeno si possono far risalire le origini al tempo dei romani.Inoltre la città di San Giorgio a Cremano non è stata mai completamente distrutta dalla lava del Vesuvio,solo nel 1631 la lava arrivo fino all’Arso,mentre il nome Cremano è stato dato al paese nel 1500.Infine dal 79 d.C. al 1944 si sono avute 53 eruzione ma è anche vero che dal 1140 al 1631 vi è stato un lungo periodo di stasi nell’attività del Vesuvio,ma non molto forti.Infatti se si osservano dipindi dell’epoca il Vesuvio non viene disegnato con l’uscita di fuoco dalla bocca, mentre viene dipinto con una folta vegetazione che arriva fino al cratere.
Urbanistica:
Centro nevralgico della vita economica e commerciale di San Giorgio a Cremano è P.zza Massimo Troisi,luogo simbolo nata nel Seicento a seguito dell’accumulazione dei detriti delle acque piovaner portate a valle dagli alvei di Via Pittore e Via Don Morosini e ideale luogo di demarcazione tra la parte alta e quella ppiù bassa della città.
Sport:
La squadra di calcio di San Giorgio a Cremano milita attualmente nel campionato di Eccellenza.Lo stadio
comunale si trova nei pressi della stazione della Circumvesuviana e all’intenro vi giocano il San Giorgio 1926,l’Atletico Nola,il Manzoni e qualche altra minore come il Real San Martino.Inoltre sul territorio sono presenti le due compagini sportive del basket,l’Athletic Sistem San Giorgio dal 1998 e il Diamond Basket San Giorgio militanti nel campionato di prima divisione.
Personalità legate a San Giorgio a Cremano:
Luca Giordano(1634-1705)insigne pittore barocco
che a San Giorgio aveva un casale e una cappella.
Bernardo Tanucci(1698-1793)politico e statista del Regno delle Due Sicile.
Carlo Filangieri(1784-1867)generale e politico.
Gugliemo Massaia(1809-1889)missionario cattolico e cardinale.
Augusto Vera(1813-1885)filosofo e politico
Maria Grazia Tarallo(1886-1912)suora cattolica
proclamata beata nel 2006
Giovanni Alagi sacerdote cattolico e cultore di studi storici locali
Alighiero Noschese(1932-1979)attore teatrale e televisivo
Giovanni Coppola(1948-1987)sacerdote cattolico,bibliofilo e sudioso locale
MassimoTroisi(1953-1994)attore,regista e sceneggiatore cinematografico
Lello Arena(1953)attore e regista e sceneggiatore italiano
Paolo Caiazzo(1967)attore
Luigi Petrazzuolo(1988)attore
Ferdinando Maddaloni(1966)attore regista scrittore.

.Stazione di Pietrarsa-San Giorgio a Cremano(NA)
Ferrovia Napoli-Salerno
La stazione di Pietrarsa-SanGiorgio si trova nei pressi
di Croce del Lagno al confine fra i comuni di
Napoli,San Giorgio a Cremano e Portici.Essa venne realizzata sul luogo ove avevano sede le officine
ferroviarie di Pietrarsa che costituivano e manutenevano le locomotive a vapore,fin dalla costruzione della linea Napoli-Portici.Chiuse definitivamente nel 1975 i locali delle officine vennero trasformate in un Museo Nazionale Ferroviario,oggi visitabile.Nei pressi della stazione è presente ancora il binario di raccordo con le officine ferroviarie,oggi utilizzato
solo in occasioni di manifestazioni riguardanti il Museo.La stazione ha avuto sempre un discreto traffico di viaggiatori considerata la posizione nonostante in essa fermino comunque solo treni regionali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10492252_531499860287588_4316731568046501526_n

Il napoletano

 

Si cammine dint ‘e viche ‘e ‘sta città sienti cchiù ‘e na voce ‘e se lamentà.Chi jastemma contro ‘a malaciorta,
chi p”e guaje esce e sbatte ‘a porta.’E lamiente fernesceno,tutte e suspiri e ognuno vulesse vede’ nu manto niro.C”a speranza e revutà ‘sciorte mpicciose se nvoca ‘o munaciello a cagna’ ‘e ccose.’Stu spiritiello è bbuono e malamente cumme afferma cunvinta tanta ggente.A chi arricchisce e a chi appezzentisce dice ‘ o cunto ca nisciuno smentisce.E pare ca quaccheduno ca l’ha visto subbeto ha cagnato ‘ciorta a vista.Quacch’àto però è fernuto male e vuleva turnà cumm’era tale e quale.Tutte vonno sapè ‘e chiustu munaciello ca porta ncuollo nu saio puveriello.
Ognuno d’ ‘o vedè è assaje curiuso pure si sa ca è nu poco vizuso. che è pure viziuso.Infatti si racconta c’allonga ‘e mmane tuccanno ‘e femmene sotto ‘e suttane.
Ma ‘e ricumenza regalannole ricorde e lassano quacche
vota pure ‘e sorde.’A storia d’ ‘o spiretiello risale ‘o
cinquecento quanno ce ne spusava tra ricche pariente.
Caterina Frezza,figlia ‘e nu mercante,se nnammuraje ‘e uno c’a borza vacante.Ma ‘o nnammurato fuje truvato muorto
pecche’ aveva ‘aggente ricca fatto tuorto.Però Caterina nun vulette ji sposa a n’ato e nt’a nu cunvento parturette ‘o scartellato.’E mmonache le cusevano ‘e vestite n’cuollo
p’apparà ‘stu cuorpo senza cuollo.’O munaciello ‘o chiammava ‘a ggente quanno’ o vedeva ascì fòre d’o cunvento.Ce sta pure chi dice ch’era nu riavulillo e ngannava ‘a ggente facendosi piccerillo.Po’ quaccheduno diceva ch’era affatato e ‘o fatto cu’a lieggenda s’è ammiscato.Ma ‘a storia vera,ca spieca tutto chiaro,nasce a tutta ‘a chello ca faceva ‘o puzzaro.Isso sottoterra l’acqua pulita manteneva e d”e puzze d”e palazze p”e case se ne jeva.Nu manto e nu cappuccio ‘ncapa teneva p’arreparasse ‘a l’umidità ca sottoterra steva.E quanno d”o puzzo asceva metteva paura pecchè se vedeva solo nu mantiello scuro.
Apprufittava pe ggho scavanno dint’e ccase e si truvava l’ammore metteva riàle spase.A ddò a femmena nun era cumpiacente arraffava e nun lassava ‘o riesto ‘e niente.
Tanta gente sapeva tutta quanta ‘a verità però sulo d’apparizzione se senteva ‘e parlà.Pirciò ‘o popolo pigliaje
bbona ‘a credenza e ancora d’ò munaciello crede l’esistenza

 

 

 

 

 

 

 

 

La leggenda del Vesuvio

simocapecchi1-300x130

Tanto tempo fa a Napoli viveva un giovane alto e possente il cui nome era Vesuvio.Doveva incutere paura,ma a chi lo osservava appariva come un gigante buono,simile com’era ad un monte ricoperto da ricca vegetazione la cui cima talvolta nelle giornate invernali era nascosta da nubi bianche e soffici che lo occultavano anna vista dei viaggiatori.L’apparenza,però ingannava e il tempo svelò ciò che questo giovane custodiva gelosamente in sè.Vesuvio dormiva un sonno apparente e nel cuore,nella parte più nascosta racchiudeva gelosamente come uno scrigno, sentimenti dolcissimi e tenerissimi che premevano per farsi conoscere.Un giorno,in una mattinana calma e limpida,vide una Ninfaincantevole,bella come un gioiello rarissimo e purissimo che si impossessò del suo cuore e non gli permise più di ragionare.Sembrava quasi impazzito e la sua mente fu occpupata da un unico ed ossessivo pensiero:conoscere la fanciulla.Finalmente raccolse tutto il coraggio e si decise a rivolterle la parola:
-Nun fuire,ferma!Che gusto haie tu vederme sperire.Pe cose negare non me puoie?Voglio chitto vedere s’uocchie de farcone-Dopo siffatta preghiere la Ninfa si addolcì ed incontrò il giovane che riuscì a conquistarla con la sua corte.I due trascorrevano insieme intere giornate e il loro sentimento cresceva attimo dopo attimo.Tutto procedeva per il meglio ma quando sembrava oramai che il sogno d’amore potesse essere suggellato da una giusta unione,Vesuvio e la sua amata furono constrastati dalle famiglie.In special modo i Crapa,ricchi e nobili si accanirono contro il giovane ritendendolo non all’altezza della figlia.
Si adoperavano per separarli e costrinsero la giovinetta ad alloggiare presso parenti che abitavano alCapo della Minerva.Non fu una buona soluzione.La lontananza infatti ebbe l’effetto contrario:ò’amore si rafforzò ma non esso anche la tristezza.La povera fanciulla era così disperata che niente e nessuno riusciva a lenire il dolore.Invogliata,azni costretta dai parenti un giorno uscì in barca.Remava senza alcuna volgia,non provava gioia neanche alla vista del panorama che si stendeva dinanzi ai suoi occhi,l’azzurro del mare e del cielo,il dolce planare dei gabbiani lo stesso calore del sole non erano così forti  da farle dimenticare nemmeno per un solo istante il suo immenso dispiacere.Ogni momento vissuto in quel paradiso naturale fu occupato dal ricordo del bene amato,dalla sua bellezza e dall’amore negato.Convinta che ormai non avrebbe più rivisto Vesuvio si gettò in acqua e lasciandosi avvolgere dall’abbraccio caldo del mare scomparve nelle sue profondità portando negli occhi e nel cuore l’immagine del suo immamorato.L’amore però con la sua forza può rendere meno crudele la realtà.Le divintà marine mosse a pietà per il triste destino in un modo singolare.In una calda giornata in cui il sole risplendeva fulgido nel cielo e il mare era calmo fecero sorgere un’isola bella e leggiadra che ricordava la fanciulla amorevolmente accolta nel loro regno si chiamava Capri.Il tempo trascorse e la notizia della morte della dole fanciulla arrivò a Vesuvio che impazzi dal dolore.In preda alla disperazione più folle,incominciò a gettare fuori enormi sospiri di fuoco,trasformandosi lentamente in una montagna chiamataSomma.Ancora oggi dall’alto della sua possenza enorme e minaccioso si guarda intorno e i suoi occhi si colmano di dolcezza quando guarda la sua amata Capri.Allora si distende nel mare quasi a racchiudere l’isola in un abbraccio protettivo.Vi sono però momenti in cui il dolore diventa insopportabile,la furia lo prevarica ricomincia a sospirare tumultuosamente e fuoco,fiamme,ceneri e lapilli gli fuoriescono dalla bocca.E’
proprio durante queste collere spaventose che ci si pente di non avergli concesso ciò che tanto desiderava.

1525614_10202226153647933_532822878_n

venerdì, 4 luglio 2014

via

Buona estate a tutti

giovedì, 3 luglio 2014

10462465_10154264068480697_3648617701120759177_n[1]

martedì, 1 luglio 2014

Da oggi in poi solo poche cose non puoi fare ma devi imparare a fare tutte le altre cose in maniera diversa

 

Il capo espiatorio

1506620_606645082761010_688535189_n

C’erano una volta dieci contadini,che camminavano insieme verso i campi.Furono sorpresi da un improvviso uragano,che prese a squassare violentemente le piante e a flagellare la terra.Correndo in mezzo ai fulmini e alle raffiche di grandine,i dieci si rifugiarono in un vecchio tempo in rovina.Il fragore dei tuoni era sempre più assordante,i lampi danzavano paurosamente sui pinnacoli del tempio.I contadini erano terrorizzati e cominciarono a dirsi,a mezza voce che in mezzo a loro ci doveva essere un grosso peccatore,colpevole di aver fatto scatenare quella furia incontenibile,che li avrebbe annientati tutti:suggerì uno:
Dobbiamo scoprire il colpevole e allontanarlo da noi!“Ma un altro disse:”Appendiamo i nostri cappelli fuori alla porta quello di noi a cui appartiene il primo cappello che verrà portato via sarà il peccatore e lo abbandoneremo al suo destino.“Furono tutti d’accordo e a fatica aprirono la porta e in qualche modo attaccarono tutti i loro cappelli di paglia.Il vento ne ghermì uno immediatamente.Senza alcuna pietà i contadini spinsero il padrone del cappello fuori dalla porta.Il
poveretto piegato in due per resistere al vento,si allontanò nella tempesta.Aveva fatto pochi passi quando sentì un boato tremendo;un fulmine spaventoso si era abbattuto sul tempio e lo aveva polverizzato con tutti i suoi occupanti.L’uomo di oggi è uno che recita volentieri il “MEA CULPA“battendo sempre però sul petto degli altri.
(ANONIMO)

rosa